Dolori muscolari

Un movimento brusco, un’improvvisa contrazione di un muscolo, uno sforzo di troppo ed ecco i primi dolori ai muscoli. Potrebbe trattarsi di uno stiramento, se le fibre dei tuoi muscoli non hanno subito lesioni, o di uno strappo se le fibre si sono danneggiate all’improvviso. Il danno può essere minimo, con l’interessamento di poche fibre, o può coinvolgerne un numero via via maggiore, fino ad arrivare, nei casi più gravi, alla rottura completa.

Talvolta il dolore non nasce dai muscoli ma dai tendini, cordoni di tessuto fibroso che collegano i muscoli alle ossa: si parla in questi casi di tendinite. Alcuni tendini scorrono all’interno di una guaina protettiva e, quando anche quest’ultima è infiammata, si parla di tenosinovite. Alcuni tendini possono essere più esposti al rischio di infiammazione: è il caso dei tendini dei muscoli della spalla (tendinopatia della cuffia dei rotatori), del tendine d’Achille, dei tendini della mano, di quelli dei muscoli dell’avambraccio che si inseriscono a livello del gomito (epicondilite, il gomito del tennista) e del tendine rotuleo che si inserisce al ginocchio.

COSA PROVOCA I DOLORI MUSCOLARI

Lo stiramento o lo strappo muscolare possono verificarsi sia quando la forza applicata è superiore a quella che il muscolo è in grado di sopportare, sia nei casi in cui il muscolo non sia preparato allo sforzo che deve compiere. In questi casi il trauma muscolare è acuto; esiste anche la possibilità di una cronicizzazione del dolore, che si verifica quando il muscolo è stato sottoposto a sollecitazioni eccessive, quasi come se fosse stato usato “troppo”.

Alcuni muscoli sono più esposti agli strappi: è il caso di quelli del polpaccio, della coscia e della schiena. Gli sport che prevedono salti, stacchi e corsa espongono maggiormente al rischio di problemi muscolari.

Quando sei più a rischio di soffrire di problemi muscolari

  • Mancanza di allenamento;
  • Riscaldamento muscolare insufficiente;
  • Fatica;
  • Pregresse lesioni;
  • Pratica di attività fisica al freddo.

La gravità delle lesioni muscolari:

  • Lesioni di primo grado (assenza di anomalie o di sanguinamento diffuso con o senza rottura focale delle fibre coinvolgente meno del 5% del muscolo interessato);
  • Lesioni di secondo grado (rottura parziale con rottura focale di fibre coinvolgente più del 5% del muscolo colpito);
  • Lesioni di terzo grado (rottura completa del muscolo con retrazione).

La comparsa di un dolore muscolare non è limitato solo all’esercizio di un’attività sportiva, ma può essere riconducibile anche ad altre cause, come l’uso di farmaci contro il colesterolo alto, malattie reumatiche o infettive.

Le tendiniti sono invece riconducibili a traumi veri e propri o a microtraumi presentatisi dopo un uso ripetitivo e logorante dei tendini.

Alcuni sport provocano una maggiore sollecitazione di determinati tendini, e chi li pratica è esposto più facilmente a una serie di problemi ai tendini; un ottimo esempio sono i tennisti, che soffrono spesso di epicondilite (problemi al tendini del gomito), i calciatori, esposti a infiammazioni dei tendini delle gambe come gli adduttori, piuttosto che il tendine d’Achille. Chi pratica invece uno sport che prevede frequenti salti andrà più facilmente incontro ad un’infiammazione del tendine rotuleo. La comparsa di tendinite può essere favorita dalla mancanza di una tecnica adeguata, o dall’invecchiamento dei tendini, che con l’età perdono la loro elasticità. Infine, alcune particolari malattie, quali l’artrite reumatoide e altre malattie reumatiche, si accompagnano sovente alla comparsa di tendiniti.

non sai quanto è grave
il tuo dolore?
scopri le aree del dolore
scopri qual è il tuo
spididol e spididol care
inizia il test

Sintomi

I sintomi a carico del muscolo dipendono dall’entità della lesione. Uno stiramento si manifesta con un dolore che tende a farsi progressivamente più forte; toccando il muscolo si può inoltre avvertire la presenza di un cordone dolente.

Nel caso dello strappo muscolare, la rottura delle fibre muscolari provoca una fuoriuscita di sangue con la formazione di un’ematoma le cui dimensioni saranno tanto maggiori quanto più grave è il danno muscolare.

Anche qui il sintomo principale è il dolore, presente a riposo e che peggiora con movimento e sollecitazioni. Di conseguenza il muscolo non può essere usato (impotenza funzionale), mentre possono essere presenti anche gonfiore, arrossamento ed ecchimosi.
Anche nel caso della tendinite il sintomo principale è il dolore che compare con il movimento e la compressione del tendine. Quando l’infiammazione coinvolge anche le guaine tendinee si osserva una certa tumefazione. Ovviamente la localizzazione dei sintomi sarà differente in base al tendine coinvolto.

  • Nel caso di una epicondilite il dolore viene avvertito a livello della parte laterale del gomito;
  • Una sofferenza del tendine d’Achille si localizzerà immediatamente sopra il tallone;
  • Nel caso di una tendinite del rotuleo il dolore è a livello del ginocchio, subito sotto la rotula;
  • Quando ad essere infiammati sono i tendini della cuffia dei rotatori sarà la spalla a soffrire, mentre un’altra comune tendinite, quella dell’estensore del pollice (sindrome di De Quervain) si presenterà come un dolore al polso, dalla parte del pollice con irradiazione alla base del dito.

Consigli

Cosa fare durante una tendinite o una lesione muscolare

  • Proteggere la parte da possibili ulteriori traumi immobilizzandola;
  • Tenere a riposo il muscolo infortunato o il tendine infiammato facendo attenzione a non compiere movimenti che provochino dolore;
  • Applicare la borsa del ghiaccio tenendola sulla parte lesa per 15-20 minuti e ripetendo l’applicazione ogni 2-3 ore. Il freddo contribuisce ad attenuare il dolore e a ridurre il gonfiore e l’infiammazione;
  • Un bendaggio compressivo consente di diminuire la tumefazione; la fasciatura va fatta dalla periferia al centro, evitando di stringere troppo;
  • Tenere sollevato l’arto colpito.

Come ridurre il rischio di tendiniti o lesioni muscolari

Praticare un adeguato
riscaldamento
Rinforzare
la muscolatura
Curare
la tecnica
Sospendere l’attività quando
si è stanchi
Fermarsi e riposare se si avverte dolore
Evitare attività che comportano sforzi eccessivi
Cambiare tipo di esercizi o attività sportiva

Come affrontare il dolore nella quotidianità

SPIDIDOL
NEL MONDO

EUROPE
  • Russia
  • Spain
ASIA
  • China
south america
  • Colombia